NOUS - Istituto di studi sull'apprendimento e la comunicazione  
Istituto Nous :: Corsi Residenziali
DETTAGLIO DEL CORSO
LA PET TERAPY. PROPOSTE DI ABILITAZIONE E RIABILITAZIONE

L’utilizzo di alcune specie animali, per rendere migliore la qualità di vita e per arricchire il quotidiano di un disabile o di un anziano, scaturisce dall’osservazione degli effetti derivanti dall'interazione tra persone, affette da diverse patologie e di diverse fasce di età, e la presenza di un animale.
In molti casi, infatti, la prossimità di un cane o di un altro animale ha un effetto positivo che si aggiunge a quello delle terapie convenzionali.

Questo è quanto si propone la Pet Therapy. A coniare il termine fu lo psichiatra infantile Boris Levinson che, nel 1953, durante una seduta con un bambino autistico, notò che la presenza del suo cane migliorava, nel bambino, la voglia di interagire con il terapeuta, ma anche determinava in lui  il desiderio di  giocare con l'animale. Levinson dimostrò che l'affetto di un animale produce un aumento dell'autostima e agisce positivamente sul bisogno di amore dei pazienti. 

Oggigiorno la pet therapy si pratica grazie all’ausilio di diverse specie animali, ma il cane rimane la specie più utilizzata; è, infatti,  l’animale che interagisce maggiormente con l’essere umano e che meglio di ogni altro stabilisce con l’uomo un legame intenso e duraturo.

Un cane inserito in un programma di pet therapy deve possedere  alcuni  requisiti di idoneità, che comprendono
a)  parametri veterinari

b) parametri di indole

c) parametri comportamentali. 

Il primo di questi aspetti è riconducibile al benessere dell’animale stesso e alla prevenzione delle zoonosi, cioè di quelle malattie che il cane potrebbe trasmettere al malato. Ogni cane, prima di poter essere utilizzato in un programma di pet therapy, deve essere sottoposto a un numero di esami veterinari, che vengono periodicamente ripetuti. 

L’indole o il temperamento del cane consiste nella capacità dell’animale di reagire velocemente a degli stimoli esterni: in base a queste capacità vengono di solito individuati cani vivaci, attenti, normali e “spenti”.  La pet therapy non include cani apatici che non reagiscono agli stimoli e all’interazione con l’uomo, così  come esclude  cani troppo esuberanti,  che possono creare problemi  specie con i soggetti  anziani. L’indole del cane va comunque sempre messa in relazione con quella dell’essere umano con cui va a  interagire.

L’ultimo parametro, quello del comportamento, è visto in relazione al conduttore del cane. I cani della pet therapy hanno un padrone/istruttore che controlla e governa l’animale mediante istruzioni Questo aspetto è importante per la sicurezza sia degli utenti che del cane stesso.

 

Esistono diverse metodiche relative all’utilizzo della Pet Therapy. Nel corso verranno riportate le esperienze maturate con l’utilizzo della Terapia Multisistemica Assistita con gli Animali, che si basa sul Metodo Empatico Comunicativo per l’Educazione del Cane da Pet Therapy, ideato da Maurizio Pagliarini e che prende spunto punto dalla psicologia animale comparata e dagli studi sul comportamento, seguendo un andamento parallelo con la psicologia e la comunicazione umana, sia in normalità che in patologia.

Programma:

1^ giornata

 

Ore 8,30 Registrazione dei partecipanti
Ore 9.00. Presentazione del corso . Introduzione sulla Pet Therapy
Ore 10.00 Linee Guida Ministeriali

Ore 11.00 Presentazione delle metodiche. La Terapia Multisistemica Assistita con gli Animali ( TMAA )

Ore 12.00  Presentazione di esempi pratici
Ore 13.00 pausa pranzo

 

Ore 14.30  Cenni di etologia

Ore 15.30 Il cane: caratteristiche comportamentali, i sensi, il linguaggio , la comunicazione.
Ore 17.00 Le zoonosi

Ore 17.30 Presentazione di video ed esempi pratici

Ore 18.30 chiusura dei lavori della prima giornata

 

 

2^  giornata

 

Ore 9.00  Gli ambiti di intervento della Pet Therapy :disturbi dello spettro autistico, Alzheimer, Parkinson, depressione)

Ore 11.00 Brevi cenni sul SNC ed elementi di pedagogia

Ore 11.30 Presentazione di video relativi a vari interventi
Ore 13.00 pausa pranzo

 

Ore 14.30  Come si progetta un intervento di Pet Therapy

Ore 16.30 Lavoro di gruppo con produzione di rapporto finale su particolari casi clinici

Ore 18.30 Chiusura dei lavori. Consegna dei questionari

 

 

 

Locandina Evento: Link (.pdf)
Date di svolgimento:

26 - 27 febbraio  2016

Sede corso:
Istituto di studi NOUS. Via Rossini 58. Cagliari
Crediti ECM:

accreditato ECM per medici, psicologi, fisioterapisti, logopedisti, TNPEE, infermieri, infermieri pediatrici, veterinari, educatori professionali

Note:

Relatore : Francesca Faelli ( Aosta )

 
SEGRETERIA

Tel. +39 366 4173145
Fax: +39 070 456396
E-mail:
segreteria@istitutonous.it


PARTNER
La bottega del Pensiero

Consorzio Kaisten